La propagazione vegetativa

Oltre alla riproduzione per seme, molte piante sono in grado di produrre nuovi individui asessualmente, ossia senza gameti né fecondazione. Questa forma di riproduzione asessuata si chiama anche propagazione vegetativa naturale.
Il risultato della propagazione vegetativa è la crescita di una pianta completa e assolutamente identica alla pianta madre a partire da organi che recano gemme o che, a un certo momento della loro vita, emettono radici rendendosi presto capaci di vita indipendente.
Un esempio di propagazione vegetativa è quello delle piantine di fragola e di ranuncolo strisciante: piante basse e aderenti al terreno che generano lunghi fusticini che crescono orizzontalmente in superficie (detti comunemente stoloni); su di essi sono presenti gemme in grado di produrre un germoglio e delle radici. Si genera così una pianta completa che, per un certo tempo, viene nutrita dalla piantamadre attraverso lo stolone. A un certo punto lo stolone si secca lasciando una pianta figlia indipendente.

Altri articoli

La fotosintesi clorofilliana

Se, alla luce del giorno, mangiamo una foglia appena colta, qualcosa di ciò che ingeriamo era, otto minuti prima, parte del Sole. leggi ancora...

Il ciclo del carbonio

La maggiore risorsa di carbonio in natura è rappresentata dall'anidride carbonica dell'aria e dell'acqua. Il carbonio entra nel ciclo biologico con la fotosintesi clorofilliana. leggi ancora...

Perchè le foglie ingialliscono e cadono?

Quasi tutte le foglie sono verdi perché una grande quantità delle loro cellule contiene organuli chiamati cloroplasti, il cui pigmento, che appunto è verde, viene chiamato clorofilla. leggi ancora...

Peperoncini

In Italia esistono tantissimi appassionati di piante di peperoncino e tanti sono i club che li rappresentano. leggi ancora...

Eventi