Il Concime

Hārāji è potenziato da una formula datami, unitamente ad altri consigli, da Guru Hārāji in Bhutan.

La ricetta del monaco apporta un equilibrio energetico primordiale, inizialmente nel terreno dove viene irrorata, poi nell'atmosfera circostante e in tutto ciò con cui essa viene a contatto.

Una volta risanato il terreno, il prodotto si riproduce in maniera autonoma. Ne consegue che, presenti determinate condizioni, la rigenerazione risulta permanente (vedi articolo dedicato nella sezione natura).

Data la speciale formula risulta efficace per tutti i terreni e per tutte le piante.

Nei laghetti è base della catena alimentare acquatica e depuratore dell'acqua (richiedi la formula speciale per laghetti). Nebulizzato nei punti di ristagno agisce contro le invasioni di zanzare, impedendone la riproduzione.

Meravigliosi orti e rigogliose piante anche in piccoli vasi in terrazzo. Perfetto anche per piante grasse, orchidee, tillandsie, piante acquatiche in idrocultura, etc... Attivatore del compostaggio

Risultati riscontrati

In tutte le coltivazioni trattate con Haraji sono stati riscontrati importanti e sorprendenti risultati tra cui l'incremento dello sviluppo dei capillari radicali, il miglior assorbimento dei nutrienti, riduzione dello stress da trapianto e molto altro.

leggi di più sui "Risultati riscontrati"...

Componenti

Haraji è composto da microrganismi attivi quali funghi e batteri della rizosfera dei boschi che vivono in simbiosi con le radici, questi trasformano gli essudati radicali da scorie, tossiche per la pianta, a nutrimento per la stessa.
Vi sono inoltre estratti fluidi come alghe brune, melasso di barbabietola e glucidi; azoto in forma proteica, peptidica; fosforo, carbonio ed ossido di potassio.

leggi di più sui "Componenti"...
Modalità d'impiego

Il prodotto viene infine dinamizzato con una particolare procedura, prima del confezionamento. Questo complesso procedimento lo potenzia energeticamente, rendendolo enormemente efficace anche in piccole quantità.

Agitare prima dell'uso 15 secondi per mescolare le diverse parti organiche ed energizzare il prodotto. Data la concentrazione di Haraji e la sua capacità di riprodursi nel terreno, si consiglia di utilizzarlo dopo la normale annaffiatura, diluendone 1 gr in 1 lt d'acqua e distribuendone la quantità di 100/150 ml (un bicchiere) per un vaso di media grandezza (diametro 25 cm), ogni 7-10 gg.
In piena terra è sufficiente distribuire 30 gr di Haraji su una superficie di 50 mq (diluita a piacimento) ogni 15 giorni, nei periodi vegetativi.

Può essere utilizzato anche per via fogliare, per nutrire e allontanare insetti e funghi dannosi, nebulizzando nella dose di 1 gr/lt per prevenire, sino a 3 gr/lt per ripristinare un equilibrio perso.

Per ottenere un effetto radicante nelle semine, taleaggi e trapianti, si irrora il terreno o le radici nella dose di 3 gr./lt

Per depurare l'acqua di acquari e laghetti , si diluiscono 5 gr di Hārāji ogni 100 lt. d'acqua. Se sono presenti pesci, oltre a piante, richiedere la formula specifica da diluire a 1 gr ogni 100 lt.

Dove non diversamente specificato, la dose si intende 1 gr per litro.
Il tappo del flacone da 200 gr corrisponde a 5 gr.
L’”EROGATORE A BECCO” rilascia 1 gr di prodotto ad ogni pressione.

Guru Hārāji

info@haraji-group.com

Articoli

Il ciclo del fosforo

La riserva di fosforo della Terra, a differenza dell'azoto e del carbonio, non si trova nell'atmosfera, bensì nel terreno e nelle rocce. leggi ancora...

L'ecosistema

L'ecologia è la scienza che studia le relazioni degli esseri viventi tra loro e con l'ambiente che li circonda. leggi ancora...

La circolazione delle piante

Poiché tutte le funzioni delle cellule di una pianta, e in particolare della fotosintesi, richiedono acqua, le piante verdi devono assorbirla dal terreno e trasportarla fino alle foglie. leggi ancora...

Com'è fatto un fungo

La maggior parte delle specie di funghi non è costituita da vere e proprie cellule, ma da microscopici filamenti, detti leggi ancora...

Eventi