Il ciclo del fosforo

La riserva di fosforo della Terra, a differenza dell'azoto e del carbonio, non si trova nell'atmosfera, bensì nel terreno e nelle rocce.
Dal terreno le piante assorbono sali ricchi di fosforo (fosfati) e in tale modo il fosforo inorganico, attraverso i vari livelli della catena alimentare, entra a far parte della materia vivente.
Anche il fosforo viene restituito al mondo minerale attraverso l'azione di particolari batteri, che analogamente alle altre specie di batteri già citati nei precedenti articoli, hanno la funzione di demolire rifiuti, escrementi e ogni sorta di organismo morto.
Una considerevole parte di fosfati è trasportata dai corsi d'acqua agli oceani: i fosfati assorbiti dalle alghe entrano poi nelle varie catene alimentari marine.
Un'altra parte viene riportata sulla terraferma ad opera degli uccelli marini (gabbiani, sule, cormorani, ecc.), che si nutrono di pesci prelevati dal mare e lasciano sulla terra i loro escrementi ricchi di fosforo, detti guano.
Un'altra parte ancora, subisce un lungo periodo di esclusione dal ciclo biologico rapido, in quanto si accumula nei sedimenti oceanici profondi sotto forma di conchiglie, scheletri di pesci, ecc.

Altri articoli

OMEOPATIA

l'ideatore: Hahnemann leggi ancora...

Il ciclo dell'azoto

Un'altro importante costituente degli organismi viventi è l'azoto. Contenuto in grande quantità nell'aria in forma gassosa leggi ancora...

Come viaggia l'energia in una catena alimentare

Le catene alimentari possono essere espresse graficamente come piramidi in quanto ad ogni livello trofico (ogni fascia che le compone) le sostanze alimentari disponibili per il livello successivo dimi leggi ancora...

L'orto in terrazzo

Solo ieri nasceva la moda e la necessità dell'orto in terrazzo. leggi ancora...

Eventi