Com'è fatto un fungo

La maggior parte delle specie di funghi non è costituita da vere e proprie cellule, ma da microscopici filamenti, detti "ife", contenenti citoplasma all'interno del quale sono presenti più nuclei. Le ife, ramificandosi, si diffondono nel materiale su cui il fungo cresce e da cui assorbono il nutrimento. Le ife possono essere semplici o ramificate ed hanno una lunghezza che va da pochi micrometri fino anche a diversi metri. L'insieme delle ife costituisce il "micelio".

I funghi mangerecci e i funghi velenosi a noi noti sono solo le strutture riproduttive, più propriamente dette "corpi fruttiferi", di un micelio molto esteso che si diffonde nel suolo o nel legno morto dove il fungo cresce.

I funghi si riproducono liberando dal corpo fruttifero microscopiche spore unicellulari, gli organi di diffusione e conservazione dei funghi. Quando una spora cade su del materiale organico o sul corpo di un ospite adatto, in presenza delle condizioni ambientali giuste (temperatura e umidità), germina e produce un nuovo micelio. La germinazione della spora è preceduta dall'assorbimento di acqua, che comporta un aumento di volume ed il consumo delle sostanze di riserva.

La riproduzione dei funghi può essere asessuata e sessuata; quest'ultima può avvenire quando le condizioni ambientali diventano sfavorevoli ed ha lo scopo di produrre spore resistenti che possono rimanere quiescenti anche per anni, al riparo tra le gemme, nelle screpolature della corteccia, nei frutti, nel terreno, nei resti vegetali.

A differenza dei vegetali, che accumulano come sostanze di riserva l'amido, i funghi accumulano il glicogeno, polisaccaride di riserva tipico degli animali, e talora anche lipidi.

Altri articoli

Il ciclo del fosforo

La riserva di fosforo della Terra, a differenza dell'azoto e del carbonio, non si trova nell'atmosfera, bensì nel terreno e nelle rocce. leggi ancora...

OMEOPATIA

l'ideatore: Hahnemann leggi ancora...

Perchè le foglie ingialliscono e cadono?

Quasi tutte le foglie sono verdi perché una grande quantità delle loro cellule contiene organuli chiamati cloroplasti, il cui pigmento, che appunto è verde, viene chiamato clorofilla. leggi ancora...

Rigenerazione permanente del terreno

Ti avevo già anticipato che Haraji riporta un equilibrio energetico nel terreno, rigenerandolo e risanandolo, e che, presenti determinate condizioni, la rigenerazione risulta permanente. leggi ancora...

Eventi